Lividi.

Mi sei rimasta incastrata dentro.
Sei bellezza,
sei amore.

Resistenza.

I muscoli si sono irrigiditi e hanno preso a tremare, per giorni interi.
E ancora non trovano pace.
Fuori diluvia e a me torna in mente tutto il tempo passato soli, su un letto preso in prestito, mentre il cielo cercava di raggiungerci.
C’era qualcosa di diverso e inespresso, nei nostri gesti.
Qualche giorno cerco un residuo di quei momenti, ma non ne trovo mai nulla.

Il mio corpo trema ancora, forse, un giorno, saprai come fermarlo.

Se fossi quel genere di gente, ti augurerei il male.
Se fossi quel genere di amante beh, ti lascerei stare.

(Cosa servirebbe ferirsi se poi?
Cosa servirebbe capirsi?
Se noi alla fine non resterebbe che dirci
che anche da estranei siamo comunque meglio dei nostri amici.)

Capodanno.

Quante volte avevo sognato di incontrarti.
Di baciarti davanti al treno, di vederti arrivare da dietro l’angolo.
Ho aspettato anni. Poi sei arrivato.

Sei la cosa migliore che la vita mi potesse portare.

"Viva il diluvio che fa rumore,
che si confonde con la rabbia nel cuore."
Roma, 17 luglio.
Se fossi lì Ti abbraccerei.Io già lo so Mi mancherai.Ma non ha senso per te, Vivevi per me.Decido io Ti spingerò.(Duecentomila le parole che direi 
Ma devo agire o il tempo l’avrà vinta su di noi)
6

Se fossi lì 
Ti abbraccerei.
Io già lo so 
Mi mancherai.
Ma non ha senso per te, 
Vivevi per me.
Decido io 
Ti spingerò.

(Duecentomila le parole che direi 

Ma devo agire o il tempo l’avrà vinta su di noi)

Destini generali.

Domenica, i giorni son volati.
Avrei preferito che un dolce riposo mi accompagnasse fino a domani, che la notte non illudesse i miei sogni.

Il vento del nord tira forte; nuvole nere, gravide di pioggia, aspettano la mia partenza.

I pensieri e le parole scarseggiano.

Stazione, binario 3.

Dimmi che tornerai, un giorno.
Aspetto questo, aspetto te.

"Si, è vero!
Io credo che l’amore serva soprattutto a vendere molte scatole di cioccolatini e sa, in certe culture una gallina.
Mi dia dell’ingenuo, non fa niente. Perché in fondo continuo a crederci. In buona sostanza le coppie veramente giuste sguazzano in mezzo alla stessa merda di tutti gli altri, la grossa differenza è che non si lasciano sommergere. Uno dei due si farà forza e ogni volta che occorre lotterà per quel rapporto. Se è giusto e se sono molto fortunati, uno dei due dirà qualcosa."
- dr. Cox
"E’ una persona con cui ho condiviso parte della mia vita. Per una serie di ragioni lei viveva in una prigione che aveva dentro e un giorno, piangendo, mi disse che aveva fame di se stessa, di conoscersi, di reagire all’immobilità della sua anima. Io l’ho aiutata in tutte le forme che mi erano possibili e l’ho fatta volare via da me e di lei mi è rimasta solo la sua fame."
Ermal Meta
"È davvero così bello questo ironico distacco, questo scontro tranquillo? Non lo so.
Ma ci sarò io e arriverò, felice da fare schifo e libererò tutti i tuoi pianti trattenuti."